Si chiama tecnicamente 'belonefobia', anche se molte persone parlano universalmente di 'agofobia' o più semplicemente di paura degli aghi. Needle fear

È un problema sottovalutato con cui medici e infermieri hanno sempre avuto a che fare, e secondo i dati raccolti prima della pandemia, colpisce il 10-20% della popolazione mondiale. Un problema in più che deve essere affrontato oggi, durante la più grande campagna di vaccinazione di sempre contro la polmonite Covid-19 con cifre che secondo l'Università del Michigan sono ancora più preoccupanti, basate su una stima di oltre il 16% di adulti in diversi paesi che hanno rifiutato la vaccinazione antinfluenzale quest'anno proprio per la paura dell'ago.

La notizia, pubblicata solo poche settimane fa sul 'New York Times', ha scatenato una campagna di informazione per capire la vera portata del problema. Mary Rogers, uno degli autori dello studio, sottolinea che è ancora troppo presto per stimare quanta parte dell'effettiva percentuale di rifiutanti del vaccino Covid-19 sia dovuta alla fobia dell'ago. Allo stesso tempo, però, sottolinea che la questione riguarda soprattutto i giovani, che sono anche i più esposti al rischio di infezione.

"Il mio cuore batteva all'impazzata. La mia mente mi diceva: "Calmati, andrà tutto bene", ma anche: "È terrificante, ti farà davvero male". "Poi" Non conosci questa persona, quindi puoi "Non fidarti di lei". Stavo pensando a come evitarlo. 

Raelene Goody, giovane donna di 31 anni, recentemente intervistata dalla BBC sul problema, con una patologia di fibrosi cistica, una condizione ereditaria che causa infezioni polmonari e problemi di digestione del cibo, richiede iniezioni regolari, tra cui un vaccino antinfluenzale annuale. Ma dall'età di quattro anni fino alla tarda adolescenza, ha sofferto di una grave fobia degli aghi che la lasciava "tremare" e spesso significava che aveva bisogno di essere sedata.

VIDEO VACCINAZIONE CON COMFORT-IN

I medici e gli operatori sanitari continuano a raccomandare protocolli, liste di azioni e buone pratiche per preparare l'iniezione o per sostenere le persone durante l'iniezione per superare la paura. Ma ancora pochi di loro indicano la vera soluzione: un sistema di iniezione senza ago che sia sicuro, facile da usare e certificato come Comfort-in.